Grottaferrata: Esaltazione della Santa Croce Storia di un crocefisso

La festa dell'Esaltazione della S. Croce si celebrava in memoria delle parole profetiche del Divin Maestro: «Quando sarò innalzato da terra, trarrò tutto a me» e «quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo allora conoscerete chi sono io».

Condividiamo la storia di un Crocefisso che si trova nella casa generalizia di Grottaferrata, tanti di voi possibilmente l'avete visto, ecco il racconto particolare di come è arrivato: 


"Nella primavera del 1978, ero Superiora nel nostro ospedale di Trento, quando venne la nostra Madre Serafina Dalla Porta, superiora generale, per fare la visita canonica nella nostra comunità.
In quel periodo la Madre aveva seri problemi ai denti. Io le dissi che nella vicina Merano c’era un centro dentistico molto valido. La convinsi e vi andammo. Dopo averla visitata, cominciarono subito il primo trattamento.

Per fare il secondo, sarebbero dovuto passare alcuna ore. Decidemmo così di andare a visitare la bella cittadina di Merano (nell’Alto Atesino).
Mentre passeggiavamo, passando davanti ad un negozio molto grande di oggetti sacri, e camminando, io diedi una sbirciatina dentro, i miei occhi si posarono su un Gesù in legno appeso a una parete.
Fu come un amore a prima vista, perché continuai a pensarlo. Ora datasi che la settimana seguente saremmo dovute tornare di nuovo a Merano per continuare il trattamento, io presi con i soldini, perché era mio desiderio portarlo via con me.

Dal dentista si ripeté il copione della prima volta e uscimmo così per la solita passeggiata. Io feci in modo che i nostri passi si dirigessero verso quel negozio che mi stava tanto a cuore.

Questa volta vi entrammo e vedendo che Gesù era ancora lì che mi aspettava, la mia gioia fu grande.
Dissi alla Madre che mi sarebbe piaciuto comprarlo, lei senza nessuna esitazione ricordo che disse questi testuali parole: “ lo prenda, così lo portiamo con noi.” 
Ora quel Gesù bisognava fabbricarli una croce. Cercai un bravo artigiano del legno e gli spiegai come lo desideravo. Era bravo davvero perché mi capi al volo.

Quando venne a consegnarcelo io rimasi contentissima, perché aveva superato di gran lunga le mie aspettative. 
Per alcuni anni quel Crocifisso lo tenemmo a Trento; poi quando Madre Serafina venne rieletta per la seconda volta, pensammo di farle un dono per la casa generalizia, così nel corso degli anni ogni volta che venivo a Grotta avevo l’opportunità di rivederlo.
Ora risiedo qui da qualche anno e ogni volta che lo desidero vado ad accarezzarlo."

Racconto: Suor Agnese Totaro

Fermiamoci un istante a considerare i dolori di Gesù sulla Croce, 
e per amor suo abbracciamo volentieri la nostra croce

Particolari del Crocefisso 

O Dio, che in questo giorno ci rallegri colla solennità dell'Esaltazione della S. Croce, 
fa, te ne preghiamo, che possiamo godere in cielo dei frutti 
di quella redenzione del cui mistero avemmo conoscenza in terra



Commenti